Una vita all’istante

Da Wislava Szymborska, La gioia di scrivere, Milano, Adelphi,2009.


Una vita all’istante.

Spettacolo senza prove.

Corpo senza modifiche.

Testa senza riflessione.

 

Non conosco la parte che recito.

So solo che è la mia, non mutabile.

 

Il soggetto della pièce

va indovinato direttamente in scena

 

Mal preparata all’onore di vivere,

reggo con fatica il ritmo dell’azione.

Improvviso, benché detesti improvvisare.

Inciampo a ogni passo nella mia ignoranza

Il mio modo di fare sa di provinciale.

I miei istinti hanno del dilettante

L’agitazione, che mi scusa, tanto più mi umilia.

 

Sento come crudeli le attenuanti.

 

Parole e impulsi non revocabili

stelle non calcolate,

il carattere come un cappotto abbottonato in corsa-

ecco gli esiti penosi di tale fulmineità.

 

Poter provare prima, almeno un mercoledì,

o replicare ancora una volta, almeno un giovedì!

Ma qui già sopraggiunge il venerdì

con un copione che non conosco.

Mi chiedo se sia giusto

(con voce rauca,

perché neanche l’ho potuta schiarire tra le quinte).

 

Illusorio pensare che sia solo un esame superficiale,

fatto in un locale provvisorio. No.

Sto sulla scena e vedo quant’è solida.

Mi colpisce la precisione di ogni attrezzo.

Il girevole è già in funzione da tempo.

Anche le nebulose più lontane sono state accese.

Oh, non ho dubbi che questa sia la prima.

E qualunque cosa io faccia,

si muterà per sempre in ciò che ho fatto.

 

Share